Powered by Blogger.
RSS

LINDA NEEDHAM: Uno scandalo memorabile

UNA PRINCIPESSA NON PUO’ DONARE IL SUO CUORE A UN NOBILE INGLESE…
Londra, 1851. La vita della principessa Caroline, futura imperatrice di Boratania, è in grave pericolo. Andrew Chase, conte di Wexford e agente segreto della Corona, ha l’incarico di proteggerla. Nei lunghi giorni che trascorrono insieme, i due imparano a conoscersi e inaspettatamente ad amarsi. Ma Caroline viene a sapere di un segreto che sconvolgerà per sempre la sua vita. E quella di Andrew…
Del tutto incomprensibile, direi, cercando di essere quanto più sincera ma gentile possibile. Una trama sconclusionata, senza capo né coda, con degli errori storico-politico notevoli.
La protagonista è una principessa, futura imperatrice di un misterioso piccolo regno dell’Europa centrale. Qua già c’è qualcosa che non va, visto che detesto tutti quei libri che adottano questo espediente, pensavo di averne avuto abbastanza con la Dodd e i suoi piccoli regni sui Pirenei. Caroline di Boratania, però, si trova a Londra, protetta dalla cugina Vittoria fino a quando, con il suo ventunesimo compleanno, verrà incoronata imperatrice. Errore madornale: come si può essere imperatrici di un piccolo regno di pochi km quadrati? Il titolo imperiale va, di solito, a chi regge un governo su un territorio transnazionale. Va bene, sollevo un sopracciglio un po’ interdetta ma vado avanti nella lettura.
Si scopre che la principessa ha subito degli attentati alla sua vita quindi viene affidata alle cure del più abile agente segreto del regno inglese che le si appiccica addosso senza abbandonarla quasi mai.
La trama va avanti, piuttosto noiosamente, tra un attentato, una festa, un ritrovamento di antichi manufatti, finché Andrew Chase, Conte di Wexford (ah, mi ero dimenticata il nome del protagonista!) non trova il pericoloso attentatore… e che fa quest’ultimo? Si mette a piangere davanti alla principessa. Ma che cattivo è? Che pantomima di romance sto leggendo?
Veramente, una lettura estremamente deludente, mediocre in tutti i suoi aspetti 

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

0 commenti:

Posta un commento