Powered by Blogger.
RSS

ANNIE BURROWS: Una proposta inattesa


TITOLO: Una proposta inattesa
AUTRICE: Anne Burrows
TITOLO ORIGINALE: The Viscount and the Virgin
USCITA ITALIANA: GRS 819 marzo 2012
GIUDIZIO PERSONALE: 4/5
Inghilterra, 1815
Imogen Hebden sa di non essere il diamante del ton, ma piuttosto una goffa e maldestra zitella, e che quella Stagione, la sua ultima possibilità di trovare marito, sarà sicuramente un disastro. Quale corteggiatore può infatti essere attratto da lei, che ha ventiquattro anni ed è senza dote? Poi, inaspettatamente, il Visconte di Mildenhall chiede la sua mano. Ma anche una fanciulla inesperta come lei si rende conto che il più affascinante, ricercato e arrogante libertino di Londra che ha troppa fretta di convolare a nozze. Così, per scoprire che cosa le nasconde, Imogen decide di assecondarlo e di stare a vedere...
Quando ho preso questo libro non sapevo che si trattava di una serie già iniziata. Infatti nel libro si parla di uno scandalo accaduto diversi anni prima e che vede ancora coinvolti gli eredi dei protagonisti. L'antefatto è spiegato abbastanza bene quindi non è strettamente necessario aver letto i precedenti, ma ci sono comunque riferimenti ai protagonisti di altri romanzi, che ho trovato un po' difficile collocare al loro posto e capire quali vicende li hanno caratterizzati. Protagonista di questa storia è Imogen Hebden: suo padre è stato al centro dello scandalo in quanto vittima uccida sall'amante della moglie nonché amico che è stato, a sua volta, processato e impiccato. Le due famiglia hanno subito le conseguenze dello scandalo: la madre di Imogen ha sposato uno studioso più anziano di lei. Ma alla morte della madre e di suo marito, Imogen si è trovata sola e priva di mezzi perché il patrigno non l'aveva mai riconosciuta e non le ha lasciato niente. Mandata, praticamente, via di casa, viene accolta dalla zia che tenta di farle trovare marito. Imogen, però, non è abituata ai salotti, nè ai bei vestiti e alle acconciature, quindi continua a fare delle gaffes, la più clamorosa è l'incontro/scontro con il Visconte di Mildenhall. Vernon Claremont Visconte di Mildenhall non reagisce bene quando la ragazza le versa addosso un bicchiere di vino, soprattutto perché pensa che sia una delle solite mosse per attirare la sua attenzione. Ciò che gli dà ancor più fastidio è il fatto che si ritrovi sempre di fronte quella ragazza, ma che soprattutto lui sia mosso da un impulso irrefrenabile di baciarla. È ancor più sorpreso quando scopre che lei è la sorellastra del suo amico e commilitone Rick. Ad un certo punto, decide di chiederle la mano, convinto soprattutto che la sua inadeguatezza come viscontess afarà storcere il naso al padre, anche se non può evitare di pensare che sia mosso dal desiderio di averla.
Entrambi i protagonisti hanno alle spalle un passato familiare piuttosto tormentato, entrambi non sono stati molto ben voluti dai loro genitori, men che meno dalle madri. In Imogen predomina il senso di solitudine che la spinge a cercare l'affetto nella zia, nel fratellastro ricomparso, nel marito. In Monty, invece, i dolori del passato portano a soffocare i sentimenti e, soprattutto, a fuggire da quelli sempre più forti che teme di provare per la moglie.
La trama, come vedete, non è particolarmente originale, assomiglia a tantissimi Regency con la protagonista goffa ed emarginata che, non si sa come, riesce ad accallappiare il libertino della Stagione. Il tutto, però, è scritto in maniera talmente scorrevole, anche con un'alternanza sapiente di momenti leggeri e altri drammatici, che si va avanti tutto d'un fiato.
Evidenti i segni di un prossimo capitolo, probabilmente su Stephen fratello zingaro di Imogen con la risoluzione del mistero del passato, di cui sono già state gettate le basi.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • RSS

3 commenti:

Tiziana ha detto...

Ho appena pubblicato anche io una recensione di un romanzo di quest'autrice, a ire la verità nulla di che.
Questo invece da come ne scrivi prometterebbe un pochettino meglio...

Aghi ha detto...

sì, carino, devo dire che mi ha sorpresa abbastanza, pur essendo una trama non particolarmente originale!

ELISA ha detto...

ciao, ormai leggo quasi unicamente il tuo blog per quanto riguarda i romance, sei onesta e sincera e questo mi piace molto. poi ho notato che abbiamo gli stessi gusti -sei una delle poche che non ha apprezzato, come me del resto, Il gioco della seduzione e ami la Kleypas- quindi prima di iniziare un romance spulcio sempre nel tuo blog per vedere se ne hai parlato e se lo consigli o meno. complimentoni :P

Posta un commento